I gilet gialli e la “gauche kérosène”

I gilet gialli e la “gauche kérosène”

I gilet gialli e la “gauche kérosène”

Di Ferruccio De Bortoli - La protesta popolare francese dei gilets jaunes, dei giubbotti gialli, non è ascrivibile solo alle rivolte fiscali di cui è ricca la storia economica. Una volta c'era la «guerra delle farine». Nel 1775 la scarsità dei raccolti e la liberalizzazione della vendita provocarono un aumento dei prezzi che scatenò la reazione dei più poveri contro il re Luigi XVI. Nel 2018 c'è la benzina, il consumo popolare per eccellenza, il cui prezzo dovrebbe aumentare dal prossimo primo gennaio. E oggi come allora il risentimento popolare colpisce il vertice del potere: il monarca repubblicano Emmanuel Macron. Sembrerebbe non essere cambiato nulla, dunque, se non nella straordinaria facilità con cui la Rete consente l'organizzazione spontanea di movimenti di massa. Invece c'è qualcosa...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti CdT
  • 1