Il 2 novembre e quell'angelo sotto la ferrovia

IL COMMENTO DI EMANUELE GAGLIARDI

Il 2 novembre e quell'angelo sotto la ferrovia

Il 2 novembre e quell'angelo sotto la ferrovia

di EMANUELE GAGLIARDI - Puntuale come sempre, eccolo il 2 novembre, il giorno dedicato alla commemorazione dei defunti; il giorno in cui i cimiteri sembrano animarsi all'improvviso. I vialetti sono percorsi da giovani, meno giovani (parecchi), qualche volta da intere famiglie. Le tombe accolgono fiori, composizioni e le foto apposte sulle lapidi, che raffigurano volti sorridenti o visi seri sembrano, per un attimo, interrogarsi su quel via vai inusuale, salvo poi ricordarsi che è arrivato il momento in cui, chi continua la sua vita all'esterno del muro di cinta, si ricorda di chi ci ha lasciato. E perciò, a differenza di quanti si recano con una certa frequenza a porre un fiore sulle tombe dei propri cari o a recitare una preghiera, entra in quel luogo sacro magari solo un giorno all'anno....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti CdT
  • 1