Il ghiaccio di San Silvestro

Il ghiaccio di San Silvestro
Immagine d'archivio

Il ghiaccio di San Silvestro

Immagine d'archivio

Di Emanuele Gagliardi - La prima vagonata di auguri elettronici è passata in occasione del recente Natale: i cellulari hanno sfornato a ritmo incessante video, immagini, selfie, con scritte spesso scontate, a volte un po' meno. E buona parte di chi li ha ricevuti, in caso di gradimento, è stato pronto ad inoltrarli ad amici, colleghi, parenti. E così la valanga di messaggini ha continuato la sua corsa raggiungendo sempre più utenti. Adesso, qualche giorno di sosta, di riposo, in attesa del gran finale del 31 dicembre, della notte di San Silvestro e del 1. gennaio, Capodanno. È così tutti gli anni: c'è chi scrive un saluto, chi fa, invece, partire magari decine di messaggi per farsi rispondere e far suonare il telefonino a ripetizione davanti agli amici, fingendo imbarazzo per quei continui...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti CdT
  • 1