La guerra in Libia e la poltrona per due

IL COMMENTO DI ALESSANDRO LETO

La guerra in Libia e la poltrona per due

La guerra in Libia e la poltrona per due

di ALESSANDRO LETO - Come sempre in passato, anche quanto avviene oggi in Libia è di difficile interpretazione. Il Presidente del Governo di Accordo Nazionale Al Serraj, sostenuto da ONU e UE, ha dichiarato lo stato di emergenza. Ma non si tratta di un golpe, almeno per adesso. Infatti, l'obiettivo delle milizie, delle fazioni e delle gangs che stanno mettendo Tripoli a ferro e fuoco, è per ora il controllo diretto dell'amministrazione della Capitale da cui transitano ancora considerevoli capitali. I diversi gruppi che guadagnano posizione quartiere dopo quartiere, sono sempre stati divisi su tutto, mentre oggi sembrano rispondere ad una nuova strategia che è quella di ridurre, anche fisicamente, il governo di Al Serraj nell'assoluta impotenza, anche semplicemente di comunicare con l'esterno....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti CdT
  • 1