La Merkel e i nodi da sciogliere

L'EDITORIALE DI FERRUCCIO DE BORTOLI

La Merkel e i nodi da sciogliere

La Merkel e i nodi da sciogliere

di FERRUCCIO DE BORTOLI - Gli alleati di Angela Merkel sono destinati a recitare un ruolo di comprimari e a pagare poi un prezzo elevato alle elezioni successive, com'è accaduto ai socialdemocratici il 24 settembre. In dodici anni di potere incontrastato la cancelliera ha sperimentato coalizioni di Governo delle quali soltanto lei evidentemente possedeva la formula. Brevetti politici assai diversi tra loro ma uniti da un impasto di sano pragmatismo renano. In ogni caso lo specchio di una sola incontrastata leadership: quella di Angela Merkel. È dunque comprensibile il timore dell'SPD nel ripensare a una nuova grande coalizione. La delusione per il risultato elettorale più modesto del dopoguerra (il 20,5%) è ancora bruciante. Nonostante i proclami del giorno dopo il voto («Basta con le grandi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti CdT
  • 1