Migrazioni e populismo in Europa

Migrazioni e populismo in Europa
Il leader dei Democratici svedesi Jimmie Akesson la sera dell'elezione

Migrazioni e populismo in Europa

Il leader dei Democratici svedesi Jimmie Akesson la sera dell'elezione

di GIOVANNI BARONE ADESI - Le recenti elezioni svedesi hanno portato nuovamente alla ribalta l'ascesa dei populisti in Europa. Quasi nessun commentatore ha sottolineato che il risultato conseguito dal partito populista, i Democratici, li lascia ancora al terzo posto nel Parlamento svedese. I raggruppamenti di destra e di sinistra hanno ciascuno il doppio dei seggi dei populisti, con ottime possibilità di formare una grande coalizione, che avrebbe una maggioranza dell'80%. Il problema politico, in Svezia come in altri Paesi europei, è come utilizzare questo consenso. Infatti sia la destra che la sinistra faticano a tracciare una politica diversa da una rincorsa, necessariamente perdente, al populismo.

La crescita dei populisti fino adesso, lungi dall'apparire travolgente, mostra la disaffezione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Commenti CdT
  • 1