Troppo denaro a buon mercato

Troppo denaro a buon mercato

Troppo denaro a buon mercato

Di Carlo Rezzonico - Alcuni economisti hanno esposto e continuano a esporre gli inconvenienti causati dall'eccessiva espansione della massa monetaria attuata dalla Banca nazionale svizzera e in particolare dai tassi di interesse bassissimi o negativi. Per averne una visione generale e mettere nel dovuto risalto che la situazione attuale, quando si considerino i suoi aspetti fondamentali, non a uno a uno, ma nel loro complesso, costituisce un problema assai serio tento di allestire un elenco. Naturalmente capiterà di ripetere osservazioni già fatte saltuariamente in articoli precedenti. Punto uno. I tassi di interesse bassissimi o negativi spingono gli investitori a collocare il denaro in operazioni rischiose allo scopo di ottenere un reddito. In caso di rallentamento congiunturale sensibile...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti CdT
  • 1