Uno scudo per le vittime della barbarie

L'EDITORIALE DI OSVALDO MIGOTTO

Uno scudo per le vittime della barbarie

Uno scudo per le vittime della barbarie

di OSVALDO MIGOTTO - Oggi come in passato sono numerosissime le persone nel mondo vittime di soprusi e brutalità di ogni genere. Spiccano in particolare, e fanno rabbrividire, le violenze di massa contro persone indifese abbandonate al loro destino. Gli esempi purtroppo non mancano e spesso la comunità internazionale non offre la dovuta attenzione alle vittime di massacri pianificati. Per questo è particolarmente significativo il fatto che quest'anno il Nobel per la pace sia stato attribuito a due attivisti, la giovane yazida Nadia Murad e il medico congolese Denis Mukwege, che hanno conosciuto in prima persona le spaventose conseguenze dell'uso indiscriminato della violenza contro gruppi di persone indifesi. In particolare i due vincitori del prestigioso premio hanno preso a cuore le vittime...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti CdT
  • 1