Vittima della propria coerenza

Vittima della propria coerenza

Vittima della propria coerenza

Di Osvaldo Migotto - Dopo l'annuncio a sorpresa della sua intenzione di lasciare a breve sia la guida del partito, sia quella del Governo, al termine del suo mandato nel 2021, molti commentatori parlano di Angela Merkel come di un'anatra zoppa giunta ormai al tramonto. Il colpo di grazia è giunto dal tonfo della CDU nelle regionali in Assia. Nulla di nuovo, verrebbe da dire, vista la profonda crisi in cui sono precipitati, negli ultimi anni, i partiti tradizionali di diversi Paesi europei. Preoccupa però che neppure la potente Germania, che da decenni svolge un ruolo guida politico ed economico nell'ambito UE, riesca a sfuggire al virus dei populismi. Anche se, per ora, i sovranisti presenti in questo Paese sono meno forti che altrove. In effetti il voto di protesta che negli ultimi tempi ha...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti CdT
  • 1