Era nell’aria, se qualche bookmaker avesse aperto le scommesse sul Pardo d’oro 2019 già prima dell’inizio del 72. Festival di Locarno, in molti avrebbero puntato sul film Vitalina Varela del sessantenne regista portoghese Pedro Costa e quindi la sua vittoria non avrebbe fatto intascare granché agli scommettitori. E in effetti la giuria ufficiale di Locarno 72 non ha potuto fare altro che consegnare a Costa il Pardo d’oro (cfr. il palmarès qui sopra) e quello per la migliore interpretazione femminile alla sua splendida protagonista. Un verdetto che, da questo punto di vista, è assolutamente condivisibile.

Vitalina Varela non sarà forse quel «capolavoro degno di entrare di diritto nel patrimonio mondiale dell’umanità» come lo ha definito durante la conferenza stampa di sabato pomeriggio la presidente...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1