Svizzera Fabio Pontiggia

Allarmismi infondati sui numeri del virus

L’editoriale del direttore Fabio Pontiggia

Image

Perché certi esperti fanno dell’inutile allarmismo sulla pandemia? La domanda si ripropone a scadenze regolari nel nostro Paese. Ci sono medici specialisti che non avrebbero riaperto quasi nulla e ci avrebbero costretti a restare più o meno nella situazione del periodo più drammatico. Tre settimane fa, domenica 5 luglio, il dottor Matthias Egger, presidente dimissionario del gruppo di lavoro della Confederazione per la COVID-19, dalle colonne del «SonntagsBlick» aveva lanciato un monito: «Il numero di nuove infezioni giornaliere potrebbe salire a 200 già la settimana prossima (tra il 6 e il 12 luglio, ndr) e a 400 in quella successiva (fra il 13 e il 19 luglio, ndr)». Secondo Egger, che non aveva risparmiato critiche alle autorità federali, c’è troppa rilassatezza nel nostro paese e i Cantoni...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1