Geopolitica Gerardo Morina

Attenti al futuro afghano e iracheno

L’editoriale di Gerardo Morina

Image

In questi giorni di mezz’estate, tra progetti di vacanze e rischi delle varianti COVID, posare il pensiero su Paesi così remoti come Afghanistan e Iraq potrebbe sembrare secondario. Al contrario, se si valutano le conseguenze a medio termine dei loro assetti geopolitici, scopriamo che per l’Occidente si tratta di una concreta preoccupazione che potrebbe toccarci tutti più da vicino di quanto si pensi. I due Paesi sono accomunati dal fatto che sono da decenni teatri di guerre infinite alle quali l’Amministrazione americana di Joe Biden intende ora mettere la parola fine annunciando il ritiro totale delle truppe entro la fine di agosto per l’Afghanistan e quello parziale per l’Iraq alla fine dell’anno. La differenza di trattamento si spiega con i seguenti motivi. Per il primo Paese, Biden ha...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1