L’editoriale Osvaldo Migotto

Caso Floyd: è la giustizia l’antidoto contro l’odio

La condanna dell’ex agente Chauvin è il primo passo di un lungo percorso

Image

Negli Stati Uniti è successo di tutto e di più dopo la morte di George Floyd avvenuta a Minneapolis il 25 maggio del 2020. In seguito alla brutale uccisione per soffocamento dell’afroamericano da parte di un agente di polizia, in tutto il Paese abbiamo assistito a manifestazioni pacifiche contro la violenza delle forze dell’ordine, ma anche a ingiustificati assalti a edifici pubblici e negozi da parte di gruppi inferociti. Nei mesi successivi altri afroamericani sono stati uccisi dalla polizia in circostanze sospette, alimentando quell’odio razziale che ancora serpeggia negli Stati Uniti del XXI secolo.

Martedì si è concluso il processo all’ex agente di polizia Derek Chauvin, autore del soffocamento mortale di George Floyd, con un verdetto di condanna per omicidio. La giuria all’unanimità...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1