«Sai Jens, mi sono appena comprato una Porsche...». «E chissenefrega!». Di fronte a un simile annuncio, noi la reazione dell’abitante medio di Copenhagen la immaginiamo così. Sì, perché nella capitale danese se preferisci l’auto alla bicicletta sei semplicemente out. O uno sfigato, vedete voi. Dal giovanissimo al pensionato, qui, si viaggia quasi esclusivamente sulle due ruote. Trotinette comprese.

Mentre ci spostavamo dall’aeroporto all’hotel dove alloggiano i bianconeri e buona parte dei tifosi siamo dunque rimasti colpiti da un aspetto: i posteggi riservati ai veicoli sono l’eccezione. Altro che tassa di collegamento, insomma. Copenhagen è una città all’avanguardia e non solo sul piano della mobilità. Come le vetrate del «Diamante nero», l’affascinante costola della biblioteca reale, in qualche...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1