Il commento Gerardo Morina

Clima d’assedio a Washington

I giorni che precedono l’insediamento di Joe Biden sono concitati: la lettura di Gerardo Morina

Image

Una sindrome dell’assedio avvolge Washington a pochi giorni, mercoledì prossimo, dalla cerimonia di insediamento del presidente Joe Biden. I motivi sono evidenti. Lo scorso 6 gennaio rimarrà infatti una data incisa nella storia della capitale degli Stati Uniti, giorno in cui l’incursione dei filo-trumpiani, sotto forma di organizzazioni di estrema destra, ha trovato impreparato l’insufficiente corpo di polizia preposto alla sicurezza del Congresso americano. Washington è fin d’oggi una città blindata, con un’impenetrabile ed estesa zona rossa a difesa di Capitol Hill e Casa Bianca e una speciale ma altrettanto sorvegliata zona verde semi-periferica. Gli alberghi della capitale, anche i più prestigiosi, sembrano caserme, occupati in gran parte dagli agenti della Guarda Nazionale, dispiegati...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1