Tokyo 2020 Flavio Viglezio

Compromesso olimpico tra costi e contagi

L’editoriale di Flavio Viglezio

Image

Rio de Janeiro sembra lontanissima. Sono trascorsi cinque anni da un’edizione dei Giochi a ritmo di samba, non priva di problemi, certo, ma tutto sommato spensierata. Cinque anni, sì, ma sembrano molti di più. E non solo perché Tokyo sta per inaugurare un’Olimpiade posticipata di un anno a causa della pandemia di coronavirus. Dai Giochi con il sorriso sulle labbra, da vivere (anche) sulle spiagge di Copacabana e di Ipanema, si è passati a quelli dei contagi, delle mascherine, dei divieti e dei controlli. E, ironia del destino, proprio il Brasile è diventato uno dei Paesi più colpiti dal virus. La preoccupazione maggiore è quella del popolo giapponese: un sondaggio di qualche giorno fa rivela che solo il 22% dei locali vuole dei Giochi come da programma. La COVID–19 fa ancora paura e la situazione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1