Il commento Massimo Solari

Comunque vada, bravo Murat

Il commento di Massimo Solari a poche ore dall’ultima, decisiva gara delle qualificazioni ai Mondiali del 2022

Image

Prendere parte a Mondiali ed Europei, oramai, è diventata una piacevole consuetudine. Paradossalmente (e pericolosamente), qualcosa di scontato. Basti pensare che dal 2004 in avanti la Svizzera ha bucato solo l’appuntamento continentale del 2012. Dopodiché, esserci e financo crederci è stata la regola. La tara sulle qualificazioni in corso, e sull’inconcepibile trasformato in possibile dalla selezione di Murat Yakin, va però fatta con altri percorsi. Quelli che permisero ai rossocrociati d’accedere senza spareggi alle edizioni 2010 e 2014 della Coppa del mondo presentavano infatti un coefficiente di difficoltà diverso. Perché gli avversari diretti, banalmente, erano la Grecia, Israele, o ancora Islanda e Slovenia. No, non l’Italia, fresca campione d’Europa. La mente, dunque, deve scavare più...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1