Coronavirus Ferruccio de Bortoli

Distanti ma uniti: il miglior vaccino

L’editoriale di Ferruccio de Bortoli

Image

Molti di noi hanno reagito, nei primi giorni dell’emergenza coronavirus, opponendo la forza e il dovere della normalità al rigore e alla prudenza del distacco. Un atteggiamento comprensibile anche se, alla luce di quello che sta accadendo, quanto meno superficiale. È accaduto un po’ ovunque. In Italia, per esempio, ci siamo illusi che i focolai di Codogno e Vo’ Euganeo (oggi ormai liberi dal virus) fossero gli unici. Poi, con il trascorrere del tempo, i segni del contagio si sono fatti più vicini a noi. Ci siamo sentiti, via via, come assediati. Eppure eravamo ancora disturbati, indispettiti. Anche per il volume, ritenuto in un primo momento eccessivo e ansiogeno, dell’informazione. Ma forse questa volta i toni d’allarme non sono stati inutilmente esagerati. Nessuno, a quel punto, poteva dirsi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1