L’editoriale Lino Terlizzi

Draghi e l’azione dell’UE per l’Italia

L’Italia periodicamente deve affidarsi a tecnici per l’Esecutivo, ma c’è coerenza tra la situazione e l’incarico a Draghi

Image

Non stupisce il fatto che Mario Draghi sia stato incaricato di formare un nuovo Governo a Roma. Draghi è stimato sia in patria sia all’estero, può vantare otto anni di presidenza della Banca centrale europea e un’ampia conoscenza dei meccanismi dell’Unione europea. Certo, si presta a discussioni amare il fatto che l’Italia spesso non riesca a uscire dalle sue frammentazioni politiche e debba quindi periodicamente affidarsi a tecnici per l’Esecutivo. Andando però direttamente al versante economico, bisogna dire che c’è quantomeno coerenza tra la situazione e l’incarico a Draghi.

Se è vero, come molti dicono, che Draghi ha salvato l’euro, bisogna anche dire che l’Eurozona e l’UE stanno per alcuni importanti aspetti salvando l’Italia. Gli effetti negativi della pandemia nel caso italiano si sono...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1