In corner Marcello Pelizzari

E se il Vaduz ritornasse in A?

Perché il club del Principato è così odiato in Svizzera? Proviamo a scoprirlo

Image

I latini direbbero: «Cui prodest?». Già, a chi giova? Stiamo parlando del Vaduz e della possibilità che i principini tornino in Super League. Ahia. Piccola premessa, per iniziare. La presenza di una formazione straniera nei campionati professionistici svizzeri è giustificata (e regolata) da una convenzione. In breve, il club biancorosso e la Federcalcio del Liechtenstein ogni anno versano una tassa di partecipazione: 600 mila franchi e qualche spicciolo per la stagione 2018-19, rapporto finanziario della Swiss Football League alla mano. Non è un caso unico né tantomeno raro, in Europa. Pensiamo al Monaco, o ancora allo Swansea e al Cardiff. Considerando il bacino ristretto, il professionismo nel Principato non può passare dall’organizzazione di un campionato locale ma, appunto, da un’affiliazione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1