Gli scorsi mesi i giornali della Svizzera tedesca hanno ampiamente commentato uno scandalo concernente la Fondazione ambientalista Green Cross nata a suo tempo per iniziativa di e presieduta per molti anni da Michail Gorbatschow, l’ultimo presidente dell’Unione Sovietica. La presidenza è poi stata assunta dal consigliere nazionale Martin Bäumle, già alla testa dei Verdi liberali svizzeri. La Fondazione si è trovata sull’orlo del fallimento e impossibilitata a far fronte agli impegni assunti perché la direttrice (si presume per percepire indebitamente la sua provvigione) registrava l’incasso di donazioni milionarie inesistenti. Maretta anche in casa del sindacato Unia. Lasciamo da parte le lotte di potere interne che non stupiscono ed affliggono molte organizzazioni. Le accuse più gravi che...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1