«Papà, ma è tutto chiuso» gridava ieri pomeriggio con accento napoletano un bambino che si trovava con la sua famiglia in via Vegezzi. Quel bambino non aveva tutti i torti. Ieri Lugano non ha di certo dato il meglio di sé. Era Ferragosto, è vero, e dunque un periodo in cui la città si svuota perché i luganesi vanno in vacanza al mare. Ma la «perla del Ceresio» – che continua a ripetersi quasi fosse un mantra di essere una destinazione turistica estiva – può permettersi di dare questa immagine a chi (spendendo anche una barca di soldi visto che tutti sappiamo quanto sia caro fare una vacanza in Svizzera) decide di passarci qualche giorno? Sappiamo che i negozi non possono aprire, ma se poi ci si mettono pure bar e ristoranti... Ieri l’80% degli esercizi pubblici erano chiusi. Lugano – fatta...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1