Il trattato del Quirinale Ferruccio de Bortoli

Francia e Italia: un patto, due visioni

Il commento di Ferruccio de Bortoli sul recente accordo tra Roma e Parigi

Image

Ciò che è storico, o almeno appare tale in Italia, non sembra esserlo in Francia. Nei giorni scorsi è stato firmato a Roma il cosiddetto trattato del Quirinale. Sotto lo sguardo soddisfatto del vero artefice, il presidente Sergio Mattarella, ha preso forma un nuovo patto di collaborazione italofrancese che spazia dall’industria alla cultura, dalla difesa all’immigrazione. Lo hanno firmato il presidente francese Emmanuel Macron e il premier italiano Mario Draghi. Si chiama del Quirinale perché nell’ambizione (più di parte italiana) dovrebbe richiamare il celebre documento dell’Eliseo, siglato nel 1963 da Charles De Gaulle e Konrad Adenauer, oggi trasformato nel trattato di Aquisgrana. Ovvero il pilastro diplomatico dell’intesa francotedesca che incarna l’anima culturale ed economica dell’Unione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1