Via sicura Fabio Pontiggia

«Giustizia» stradale: cartellino rosso

L’editoriale del direttore Fabio Pontiggia sui più recenti processi

Image

L’attualità giudiziaria ci costringe a tornare sulla questione di Via sicura. Le notizie relative a processi per violazione delle norme della circolazione stradale sono tante e tali e si susseguono a ritmo così incalzante da non consentire il silenzio. Più si va avanti, più è manifesta l’insostenibilità di quanto voluto dal legislatore secondo la filosofia integralista che ha ispirato la crociata contro chi non rispetta i limiti di velocità. È stucchevole che a Berna, per correggere le iniquità sempre più numerose perpetrate nelle aule di tribunale, ci si muova ad una velocità inversamente proporzionale a quella degli automobilisti beccati dal radar nemico.

Partiamo dai casi più recenti. Maggio 2016: un automobilista ubriaco, con un tasso alcolemico nel sangue dell’1,82 per mille, a Morges aveva...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1