Il commento Alfonso Tuor

Gli USA, la finanza e i perdenti

Il commento di Alfonso Tuor

Image

Né l’assalto al Congresso da parte dei sostenitori di Donald Trump, né la conquista di una risicata maggioranza da parte dei democratici hanno scosso Wall Street e neppure la violenta forte ondata della Covid-19 che appanna la speranza di una prossima fine della pandemia hanno scosso Wall Street.

La borsa americana non sembra temere né l’incertezza politica di un Paese fortemente diviso e ancora condizionato dal presidente uscente, che ha ventilato la possibilità di creare un nuovo partito, né i timori inflazionistici di un eccesso di interventi pubblici da parte della nuova amministrazione, non più frenato da una maggioranza repubblicana al Senato. Dunque la strada di Joe Biden, che si è insediato ieri alla Casa Bianca, sembra spianata così come i suoi primi provvedimenti che consistono nella...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1