il divano orientale Marco Alloni

Hàrem e Haràm

La rubrica di Marco Alloni

Image

C’è un termine che spiega il Medio Oriente meglio di molti altri. Meglio di jihad, meglio di islam e meglio di burqa (che oltretutto è un abito afghano o pakistano). Un termine che in qualche modo è la cifra della differenza tra Oriente e Occidente: haràm.

Non è una parola a cui siamo del tutto estranei. In una sua declinazione, hàrem, la conosciamo fin dal tempo in cui abbiamo preso familiarità con le odalische o ci siamo misurati con la letteratura «esotica». Harem: il luogo della casa riservato alle donne. Per esteso: il recinto sacro della «privatezza», della «riservatezza», della «discrezione», il luogo proibito.

Hàrem e haràm – che provengono dalla stessa radice hrm – raccontano dunque, in modi leggermente diversi, della preminenza del proibito nelle culture mediorientali. E in questo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1