L’EDITORIALE Paride Pelli

I 25 anni dell’USI e gli atout da sfruttare

Leggi l’editoriale del direttore Paride Pelli dopo il Dies academicus dell’Università

Image

Non è un periodo sereno e fruttuoso per l’Università e per i suoi studenti: la pandemia, tra alti e bassi, continua a farla da padrona e le misure messe in atto per contenerla dettano ritmi e tempi anche del mondo dell’istruzione. Gli atenei assomigliano da oltre un anno a gusci vuoti: solitamente luoghi di aggregazione e socializzazione, di scambio interculturale, di vitale e brioso humus creativo, si ritrovano oggi ridotti a spazi deserti e spettrali. Le Università hanno dovuto fare tutte di necessità virtù, anteponendo alla loro missione i problemi di una situazione sanitaria complicata e l’obiettivo di traghettare in qualche modo i giovani al di là della pandemia, in una nuova normalità didattica che avrà bisogno tanto degli strumenti antichi quanto di quelli «nuovi» che la crisi ci ha...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1