Kubilandia Kubilay Türkyilmaz

I limiti del Lugano e di Jaccottet

Kubilay Türkyilmaz torna sul pareggio di Sion, sottolineando l’importanza del terzo posto in classifica agguantato dai bianconeri ma pure le ombre della sfida andata in scena al Tourbillon

Image

Due punti gettati alle ortiche al Tourbillon? Calma. Dopo il pareggio di Sion mi preme innanzitutto sottolineare un aspetto: il Lugano è terzo in classifica. E scusate se è poco. Andiamoci piano, dunque, con le critiche. A fronte di una simile posizione in Super League, credo che i complimenti debbano avere la precedenza. Poi, certo, non me la sento di celare un pizzico di dispiacere per quanto osservato domenica. Il Lugano, a livello di singoli, era infatti la squadra più attrezzata. Purtroppo questa superiorità non si è però rispecchiata nel risultato finale.

Cosa è mancato agli uomini di Maurizio Jacobacci? In primis sono passati accanto al match alcuni tenori bianconeri. Penso a Lavanchy, a Gerndt, come pure a capitan Sabbatini. E con loro sono venute meno anche determinate sicurezze. Il...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1