L’editoriale Gianni Righinetti

I nostri vicini, i nostri vaccini, le nostre vacanze

Lo stop&go non ci porterà da nessuna parte - L’editoriale del vicedirettore Gianni Righinetti

Image

Dopo 49 giorni di stop forzato, da oggi i negozi possono riaprire su concessione del Consiglio federale, deciso a muovere un passo alla volta sulla strada del ripristino di quella normalità che, più di un obiettivo, sembra ancora essere un miraggio. C’è chi riparte e chi morde il freno: come il settore della ristorazione, costretto a chiudere prima del commercio ormai a quota 69 giorni di inattività, parzialmente ridotta da chi si è lanciato nella fornitura dei pasti a domicilio (una nicchia interessante e utile per chi vuole evitare di mettersi quotidianamente ai fornelli, ma non sufficiente per fare quadrare i conti). C’è chi parte e chi resta al palo in attesa delle valutazioni che faranno i sette consiglieri federali nelle prossime settimane: privilegiati gli uni e avversati gli altri?...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1