Democrazia è il termine usato per designare il potere del popolo (dèmos). Similmente tecnocrazia sta ad indicare quello dei tecnocrati. Un potere quest’ultimo che dal dopoguerra via si è sempre più ampliato, anche in virtù della maggiore complessità dei problemi che la nostra società deve affrontare e che richiede un crescente intervento di esperti. Non possiamo fare a meno della tecnocrazia ma al contempo dobbiamo renderci conto che gli esperti lavorano su dati, statistiche, simulazioni che si avvicinano alla reale società, ma che rimangono pur sempre approssimative e imperfette. Particolarmente fallaci quando si estendono su lunghi periodi temporali. Anche gli esperti sono degli esseri umani. Se così non fosse i famosi piani quinquennali delle burocrazie comuniste o meno non avrebbero conosciuto...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1