Puntualmente come ogni anno è calato il sipario sul mondo della politica e si è alzato quello sul Festival di Locarno, meta sempre più gradita da chi è in cerca di visibilità e mondanità, specie in questo periodo nel quale lo sguardo è rivolto verso l’autunno, alle elezioni federali del prossimo 20 ottobre. Poco importa se nel corso dei numerosi appuntamenti mondani non si parla dei dossier più spinosi e se si assiste più che altro a un’ammucchiata di persone che hanno dato la loro disponibilità per figurare come candidati. Essenziale è mostrarsi, perché a Locarno in queste settimane tra i politici è tutto un incrocio di sguardi e sorrisi un po’ forzati, frutto dell’ambiente rilassato e ovattato nel quale a farla da padrone sono irrealistiche serenità e tranquillità, più di facciata che reali....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1