Contromano Pino Allievi

I progressi delle rosse

La rubrica di Pino Allievi - In Spagna il fenomeno Lewis Hamilton si è rivelato maestro di tattiche, il ferrarista Charles Leclerc si è dovuto accontentare del quarto posto

Image

Ci sono i fenomeni. E ci sono gli altri. Un esempio? Domenica nel Gran Premio di Spagna ha vinto di nuovo Hamilton mentre il compagno di squadra Bottas, con una macchina identica, è giunto terzo a 26 secondi. In casa Red Bull sono stati 48 i secondi tra Verstappen (2°) e Perez (5°) mentre in Ferrari il divario tra Leclerc (4°) e Sainz (7°) è risultato di 20’’.

Ma non è solo il cronometro a evidenziare le differenze tra i piloti. C’è dell’altro. Ad esempio la capacità, da parte dei campioni, di affrontare sfide sulla carta impossibili. O quanto meno molto azzardate. Come ha fatto Lewis Hamilton domenica, quando invece di restare nella scia di Verstappen, con poche possibilità di spuntarla, si è inventato una strategia rischiosissima: quella di effettuare un pit stop improvviso per montare gomme...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1