Da mesi la politica e l’economia del mondo sono ostaggi del diluvio di tweet che emanano dal telefonino presidenziale. Se oggi leggiamo che l’accordo commerciale con la Cina è prossimo alla conclusione, è quasi certo che domani la disputa commerciale si inasprirà. Dietro questa cortina di annunci volutamente incoerenti emerge una strategia negoziale aggressiva, che tende a sfiancare...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1