Coronavirus Fabio Pontiggia

I telefoni cellulari e il virus liberticida

L’editoriale del direttore Fabio Pontiggia sulla società sorvegliata

Image

Accanto alla gioiosa predisposizione a farsi comandare e a ricevere ordini, c’è il rischio che la società del coronavirus coltivi ancor più generosamente la gioiosa predisposizione a farsi sorvegliare. Siccome «la salute non ha prezzo», pur di averla garantita (o nell’illusione di averla garantita), l’essere umano sembra pronto a pagare qualsiasi dazio, anche il più pesante, in termini di libertà. È l’eterno dilemma tra sicurezza e, appunto, libertà. La pandemia apre varchi pericolosissimi in una comunità regolata secondo i principi del costituzionalismo. Il Grande Fratello in camice bianco da scienziato avrà anche un volto più umano, ma rimane tale e ha la vista troppo lunga e troppo intrusiva. I nostri telefonini non devono trasformarsi nei nostri braccialetti elettronici. I rischi della...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1