il divano orientale Marco Alloni

Il baqshish, mancia solidale

La rubrica di Marco Alloni

Image

l nome è talmente diffuso che è tra le prime parole che uno straniero impara in Medio Oriente: baqshish. Il suo significato è semplice quanto complicato è il suo funzionamento.

La prima volta che lo udii fu da una prostituta che stazionava nella hall dell’Hotel Marriot del Cairo. Non sapevo della sua arte e mi permisi di invitarla a un tavolo. Lei subito mi rispose: «No drink, no drink, baqshish, baqshish». Insomma, nella traduzione approssimativa del suo diniego intuii che voleva essere pagata.

Da allora dovetti misurarmi con la difficile decifrazione di che cosa baqshish significasse in Medio Oriente. E dopo averlo per qualche settimana associato al compenso per una prestazione intima, compresi che raccontava viceversa un intero universo di possibilità.

Ancora ignaro di come funzionasse il...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1