Il commento Massimo Solari

Il calcio svizzero e una rete che non fa applaudire

L’assemblea della SFL si è espressa a favore della ripresa dei campionati ma la genesi della decisione ha messo in luce le dinamiche distorte in seno alla Lega

Image

La sensazione è di aver assistito al più classico dei gol dell’ex. Una goduria, sportivamente parlando, che per una legge non scritta il realizzatore di turno sceglie tuttavia di reprimere, rifiutandosi di esultare sotto gli occhi dei suoi vecchi tifosi. A restare negli occhi degli spettatori è così un gesto intriso di contraddizioni. Accettabile, sì, ma non pienamente comprensibile. Allo stesso modo il verdetto dell’assemblea straordinaria della Swiss Football League lascia in parte interdetti. Si vorrebbe gioire, urlare: «Finalmente tocca anche al calcio!». Eppure la genesi del via libera ai campionati di Super e Challenge League spinge ad altre riflessioni.

Il presidente della Lega Heinrich Schifferle ha voluto sottolineare il «rispetto» e le «logiche democratiche» che hanno caratterizzato...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1