Il commento Paride Pelli

Il cambio di rotta dei social network

Il commento del direttore Paride Pelli dopo la decisione di Facebook di bloccare l’account di Donald Trump

Image

Mark Zuckerberg, CEO di Facebook, ha sempre affermato di non voler essere «un arbitro della verità»: espressione opportunista che lascia intendere la sua volontà di non rispondere con definitiva chiarezza a una delle domande centrali nel dibattito del ventunesimo secolo attorno ai social media. Facebook, come molte altre piattaforme che hanno invaso la nostra vita, si può considerare alla stregua di un editore oppure no? Detto più chiaramente: quali sono i diritti e soprattutto i doveri a cui deve sottostare un social network utilizzato oggi da quasi tre miliardi di persone in tutto il mondo? È responsabile dei contenuti che aiuta a pubblicare e a diffondere oppure no? La decisione di Facebook di oscurare l’account del presidente uscente degli Stati Uniti ha riaperto e rilanciato più che mai...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1