Il caso Argo 1 ha tenuto banco sul piano politico, durante la scorsa legislatura, per gli aspetti di gran lunga meno gravi: il mandato attribuito e poi rinnovato illegalmente alla ditta che sorvegliava i centri per richiedenti l’asilo. Andando ben oltre quanto stabilito dalla legge, il Gran Consiglio aveva addirittura fatto capo allo strumento della Commissione parlamentare d’inchiesta...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1