La riflessione Roberto Cotroneo

Il cinema e la letteratura

Nel centenario della nascita di Leonardo Sciascia, Adelphi pubblica un agile volume dedicato ai suoi lavori per la cinematografia Un’occasione per riflettere come, nel tempo, è mutato il rapporto tra la scrittura e lo schermo al quale sempre più autori guardano con interesse

Image

Nell’anno del centenario della nascita (di cui abbiamo ampiamente parlato in queste pagine) Adelphi manda in libreria un piccolo volume di Leonardo Sciascia. Raccoglie i suoi scritti sul cinema. E persino tre soggetti cinematografici che il grande scrittore aveva scritto molti anni fa e che fino a oggi sono rimasti inediti. Il volume si intitola: «Questo non è un racconto», proprio tra virgolette. Ed è un gioiello che ci fa riflettere: perché è una lunga storia che parte da lontano e arriva fino a oggi, e spiega bene come siano cambiate le regole del gioco in quel mondo culturale che teneva assieme teatro, poesia, letteratura e cinema. Negli ultimi anni il cinema è diventato la tentazione di tutti gli scrittori di romanzi. E adesso anche le serie sono diventate un’altra tentazione. Il perché...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1