in corner Nicola Martinetti

Il destino nelle mani

La Svizzera nello spazio di pochi giorni si è imposta contro Irlanda del Nord e Lituania facendo quanto in suo possesso: ora l’attende la sfida con l’Italia

Image

E adesso si fa interessante. Per davvero. Vincendo contro Irlanda del Nord e Lituania, la Svizzera ha parzialmente rimediato al passo falso commesso a Belfast nel mese di settembre. Due successi attesi, sì, ma non scontati. Fondamentali, però, per continuare a credere di poter volare verso il Qatar - fra un annetto circa - senza dover prima effettuare insidiosi scali obbligati. A Roma, il 12 novembre, la selezione di Murat Yakin godrà del lusso di avere il destino nelle proprie mani. Un fatto il cui peso specifico, nel contesto che attenderà i rossocrociati, potrebbe rivelarsi relativo. Ma, fino a prova contraria, resta un atout.

La prima finestra internazionale, dopo i fasti di Euro 2020, aveva restituito ai tifosi rossocrociati e a quelli azzurri due selezioni un po’ appannate. La «Nati»,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1