La riflessione Roberto Cotroneo

Il fascino del passato nell’incertezza del futuro

Il grande successo di due recenti saggi dedicati al sommo poeta italiano sottolineano come, in momenti come questi in cui è difficile decifrare ciò che accadrà, il nostro pensiero si rifugia inconsciamente e automaticamente nella tradizione

Image

Più che un ragionamento è un brusio. Corre per la case edi-trici, per quelle di produzione cinematografica, negli studi musicali dove incidono gli artisti. Forse persino negli studi di progettazione architettonica e magari nelle case di moda. Il brusio dice questo: che romanzi si stanno scrivendo in questo momento storico? Che tipo di poesie? Quali film si proveranno a girare? E con quali sceneggiature? E naturalmente a che immaginario attingere in un’epoca così incerta, dove la parola futuro sembra lesionata, e tutto quello che si faceva prima è fortemente intaccato? La COVID-19 cambierà il nostro immaginario? In realtà a guardare quello che accade proprio no, gli scrittori continuano a pubblicare gialli e libri dove il tempo e il mondo sono ancora quelli di prima, la musica fa altrettanto...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1