Prospettive Giovanni Barone Adesi

Il franco, la BNS, la recessione

Il commento di Giovanni Barone Adesi

Image

L’industria europea naviga in cattive acque. Dopo l’immotivata euforia causata dal fatto che la Germania ha evitato la recessione formalmente, crescendo dello 0,1%, invece di perdere lo 0,1% preventivato nell’ultimo trimestre, l’industria automobilistica tedesca ha confermato le oscure prospettive per il 2020. In Svizzera l’industria meccanica, elettrica e dei metalli, che vende soprattutto alla Germania, vede un calo degli ordini del 27% e difficilmente potrà mantenere i livelli produttivi attuali nel 2020.

La Banca nazionale svizzera cerca di limitare i danni, difendendo il franco da eccessivi apprezzamenti, che danneggerebbero ulteriormente l’industria svizzera, ma la sua azione ormai rischia di essere controproducente. Per calmierare il franco deve infatti vendere una trentina di miliardi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1