Primo. Sì, il Lugano è primo in classifica. È una sensazione strana, ma ai nostri occhi non è affatto una sorpresa. Semmai, è una piacevole conseguenza. Parliamo di lavoro, coesione, umiltà anche. Di Maurizio Jacobacci leader silenzioso e di uno spogliatoio sano, forte, convinto. Sorridiamo, certo, nel vedere gli espertoni della Svizzera tedesca incensare i bianconeri. Adesso si affrettano a salire sul carro al grido ticcinesi, con due c perché loro l’italiano lo masticano fino ad un certo punto. Sorridiamo perché fino a ieri l’altro gli stessi espertoni ridacchiavano solamente all’idea di vedere una squadra del sud lassù, agli avamposti della Super League. E dire che questo club, negli ultimi cinque anni, è arrivato una volta in finale di Coppa Svizzera e ha disputato due campagne di Europa...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1