Calcio Massimo Solari

Il Pallone di Messi e di Dave

In un mondo che anela al cambiamento, i vetusti meccanismi che hanno portato al settimo sigillo della Pulce stridono

Image

Ha vinto Lionel Messi. E, badate bene, non ci sentiamo di gridare allo scandalo. Dopo tutto, le qualità tecniche del ragazzo sono note. Eppure, l’assegnazione del Pallone d’oro 2021, ufficializzata questa sera, lascia l’amaro in bocca. Perché in un mondo che anela al rinnovamento, e non spreca occasione per cambiare le regole del gioco, i vetusti meccanismi che hanno portato al settimo sigillo della Pulce stridono. E, sì, infastidiscono anche un po’. L’argentino sarà anche riuscito, una volta per tutte, a mettere le mani sulle Copa America. Okay. I sei mesi con il Barcellona e, soprattutto, gli ultimi con il PSG giustificano selfie e autografi. Applausi, anche. Ma non il riconoscimento destinato al giocatore più forte e impattante dell’anno. A sfuggire, dicevamo, sono i parametri. Che una volta...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1
    IL COMMENTO

    Lo sguardo che ti inchioda di Czeslawa

    Oggi è il giorno della Memoria – Per Prisca Dindo, le gite scolastiche nei luoghi del Male dovrebbero essere obbligatorie – Ecco il racconto del suo viaggio ad Auschwitz e Birkenau

  • 2
    L’editoriale

    Quei capitomboli verso l’orrore

    Nel Giorno della memoria si moltiplicano le iniziative per non dimenticare - Il rischio, di fronte a così tanti eventi, è l’assuefazione - Ma per evitare gli errori di un tempo dobbiamo imporci di capire (e di soffrire)

  • 3
    Partygate

    Il senso di Johnson per la sbronza

    Da Downing Street a Boozing Street, passando per Clowning Street, la parabola discendente di «BoJo» continua – Leggi il commento di Antonio Caprarica

  • 4
  • 5
  • 1