In corner Massimo Solari

Il pigiama di Sforza

L’ex giocatore dell’Inter non è più l’allenatore del Basilea - La fine del rapporto con il club renano, nel caos a livello societario e sportivo, è tutto fuorché sorprendente

Image

Una scelta azzardata. Ciriaco Sforza. Dal Wil, sesta forza della Challenge League, al grande Basilea. Un allenatore di «serie B», come il pigiama di Giacomino in Tre uomini e una gamba. Ieri Aldo - «e quella di Ronaldo era finita» -, l’agosto scorso Bernhard Burgener, chiamato a giustificarsi di fronte a una situazione incomprensibile ai più. Eccolo il peccato originale di una relazione nata sotto una cattiva stella e - senza sorpresa - finita anzitempo. La sconfitta casalinga contro il Vaduz, ieri l’altro, ha rappresentato il capolinea di un viaggio tormentato. Con una media di 1,35 punti a partita. E soprattutto il quinto posto provvisorio in Super League. Il quinto, sì. Come non accadeva, alla 27. giornata, dal 2000.

Allora sulla panchina renana sedeva un certo Christian Gross. Criticatissimo,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1