Istruzione Tito Tettamanti

Il posto dell’Università della Svizzera italiana

Il commento di Tito Tettamanti

Image

In dicembre sotto questo titolo il rettore Boas Erez ha pubblicato nel «Corriere del Ticino» un accorato appello. Se la mia lettura è corretta, con il suo articolo da un lato esprime la delusione per un certo distacco dei ticinesi nei confronti dell’Università che, con un finale non privo di pathos, vorrebbe nei nostri cuori. Dall’altro, rivendica per l’Università stessa nell’ambito della cultura del Cantone un ruolo che vada al di là dello stretto impegno accademico. Mi sarei aspettato che l’autorevole intervento suscitasse reazioni, ma ciò non mi pare sia stato il caso. Non dobbiamo stupirci: noi ticinesi, quando i problemi varcano certi limiti ed esigono approfondimenti intellettuali, ci comportiamo – secondo la descrizione ironica di un libro di management - come i consiglieri d’amministrazione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1