Regno Unito Gerardo Morina

Il primo anno di Johnson

Il commento di Gerardo Morina

Image

Prolifico, plurisposato e con la tendenza alle scappatelle come un moderno Enrico VIII, il premier britannico Boris Johnson, che festeggia oggi il suo primo anno al numero 10 di Downing Street, va fiero del suo massimo atto di virilità politica, l’aver traghettato il Regno Unito nel territorio per molti versi ancora inesplorato della Brexit. Ma non si può vivere di sola Brexit e a dodici mesi dall’inizio del suo mandato, «BoJo», come lo chiamano familiarmente gli inglesi, non può più sperare di essere ricordato unicamente come il primo ministro che ha portato a compimento l’uscita del suo Paese dall’Unione europea. Perché il suo nome resterà indissolubilmente legato anche a quello della pandemia, alla gestione del lockdown e di una crisi che accompagnerà il Regno Unito per molti altri mesi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1