L’editoriale Gianni Righinetti

Il salario minimo e la lucidità svanita

Salvare il lavoro? Si salvi chi può - Leggi l’editoriale del vicedirettore Gianni Righinetti

Image

Con il via libera del Tribunale federale alla Legge sul salario minimo è venuta a cadere anche la residua (seppur flebile) incertezza che metteva in dubbio la tenuta della normativa accolta dal popolo nel 2015. Dal prossimo mese il salario minimo dovrà essere rispettato e occorrerà passare dal dire al fare. Poco importa come la si pensi, non ci siamo mai nascosti e ribadiamo il timore che il meccanismo che mira a scongiurare il versamento di salari lordi al di sotto dei 19-19,50 franchi l’ora, farà la felicità dei frontalieri, ma non dei residenti. Ma questa è ormai aria fritta, perché c’è il momento della campagna, quello delle decisioni e quello della loro applicazione. Siamo al dunque e rivangare il passato non serve a nulla e a nessuno, solo l’esperienza dei prossimi anni ci dirà se il...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1