Il commento Osvaldo Migotto

L’attentato di Nizza tra blasfemia e scontro di civiltà

Il giro di vite in Francia contro il fanatismo islamico

Image

Giovedì ci sono state altre tre brutali esecuzioni in Francia. L’ennesimo assalto con coltello da parte di un estremista islamico è avvenuto nella basilica di Nizza, vale a dire all’interno di quello che i cristiani considerano un luogo sacro. Non è la prima volta che la follia omicida di musulmani invasati prende di mira i simboli del cristianesimo. Rimanendo in Francia viene in mente il sacerdote Jacques Hamel, 85 anni, sgozzato da due fanatici musulmani nel 2016 mentre stava celebrando Messa in una chiesa della Normandia. Quante le condanne di questi atti barbarici da parte dei Paesi che hanno espresso indignazione per la difesa da parte di Macron del «diritto alla blasfemia»?

Ibrahim Kalin, portavoce del presidente turco Erdogan, ribadendo su Twitter la condanna «per l’attacco ignobile...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1