il Commento Massimo Solari

L’audacia e il vestito della festa

Murat Yakin si sta muovendo bene - Da qui a dare per acquisito un autunno di grandi successi, tuttavia, ce ne passa

Image

Nemmeno il tempo di far entrare nel vivo la sfida contro l’Italia, che le battute e le domande ironiche si sprecavano. Il ct della Nazionale ha avuto più coraggio a titolarizzare Fabian Frei o - nel giorno del suo battesimo internazionale - a vestire la polo azzurrina dello sponsor tecnico? Per altro a pochi metri da Roberto Mancini, impeccabile e asciuttissimo in maniche di camicia. Difficile schierarsi in modo netto, considerati l’azzardo della scelta sportiva e il pessimo gusto alla base di quella estetica. La risposta che conta, in ogni caso, è giunta al fischio finale. Innescando quella che ha già assunto i contorni della Murat mania. Sì, Yakin si è mosso e si sta muovendo bene. E i selfie cordiali insieme ai tifosi, sulle tribune del St. Jakob-Park, non lo hanno sicuramente penalizzato....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1